• CONSIGLIATI DA “PUGLIA FOLKLORE”

Angelica, il fantasma del castello De Falconibus (Pulsano)

di Mario Contino – Il giorno 15/05/2013, insieme agli altri membri dell’Associazione Italiana Ricercatori del Mistero, decisi di indagare su una delle leggende più affascinanti della nostra Regione: Il presunto fantasma di Angelica che, a detta di molti testimoni, vagherebbe ancora in cerca di pace, tra le mura del bellissimo Castello De Falconibus di Pulsano (TA)
Una donna giovane vestita di bianco e con i capelli biondi, così la leggenda vorrebbe che lo spettro appaia nelle notti di luna piena all’interno dell’antico maniero.

Angelica, alla quale si attribuisce l’identità del triste fantasma, sarebbe la figlia unica di Renzo De Falconibus, l’antico signore del posto, nato a Pulsano nel 1286 e morto in battaglia nel 1326 nel nobile tentativo di difendere la sua gente dalle orde africane e pagane.
La battaglia, nella quale lo stesso perse la vita, fu tanto sanguinosa che la zona costiera sulla quale si disputò viene tutt’oggi ricordata come “Terra rossa”, in ricordo del sangue versato dai guerrieri di entrambi gli schieramenti.
Sua figlia Angelica, ai tempi appena Diciottenne, rimasta ormai orfana e priva di protezione, venne prima imprigionata, poi decapitata e il suo corpo gettato nella torre del castello.

Alcuni riferiscono di strani pianti, altri di aver visto la figura evanescente della stessa Angelica, muoversi furtiva sulle terrazze del castello ( motivo che gli conferisce il nome di “dama a mezzo busto”, in quanto dal parapetto del terrazzo si sarebbe vista solo la porzione del busto dalle gambe in su), sta di fatto che la leggenda è certamente tra le più popolari e conosciute.
Insieme al mio team ci siamo recati all’interno del maniero, armati di tutta l’attrezzatura utile ad effettuare questo genere di ricerca, ossia a cercare prove tangibili e scientificamente rilevanti sulla reale presenza di attività paranormale.
Abbiamo effettuato lunghi rilevamenti ma, con un po’ di rammarico, non siamo riusciti a registrare nulla che potesse confermare l’esistenza del fantasma nel sito, almeno non nell’arco temporale in cui abbiamo operato.

Personalmente ho assistito a registrazioni di strani campi elettromagnetici in quel posto e visto, in lontananza, un ombra muoversi velocemente, li dove non aveva ragione d’essere in quanto nessuno era presente. Prove non registrate in video e quindi non utilizzabili in un dibattito serio ma sufficienti per convincere il sottoscritto che, forse, nell’affascinante Castello De Falconibus, la presenza di Angelica sia qualcosa in più di una semplice leggenda popolare.
Un sito che merita certamente di essere visitato, con l’attenzione di un accademico e gli occhi di un bambino.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *