• CONSIGLIATI DA “PUGLIA FOLKLORE”

Il “fantasma” del Palazzo San Domenico, in Manfredonia

 di Mario Contino – Anche la cittadina di Manfredonia nasconde i suoi segreti, non nel bellissimo castello, come molti di voi staranno pensando ma in un ex convento dei Frati Domenicani attualmente sede degli uffici comunali.
Il giorno 4 Settembre 2013, co il mio primo team di ricerca che all’epoca prendeva il nome di GHP Ghost Hunters Puglia, mi recai presso Palazzo S. Domenico sito nel cuore di Manfredonia, per indagare su presunti fenomeni paranormali in loco quali: porte e finestre che sbatterebbero senza motivi spiegabili, rumori che non avrebbero ragione di manifestarsi in quel determinato luogo e momento, ombre fugaci ed addirittura il presunto fantasma di un monaco che apparirebbe nell’atrio interno, presso un antico pozzo.

Insieme al mio team, giungemmo in tarda serata ed perlustrammo ogni corridoio e stanza resa accessibile dell’ex monastero, effettuammo rilevamenti video, audio e monitorammo parametri quali: campi elettromagnetici, umidità, temperatura ecc…

utilizzammo, come sempre del resto, apparecchiature scientifiche al fine di ottenere una eventuale prova concreta, misurabile, in grado di dimostrare un ipotetica attività paranormale in loco.
Durante l’indagine, durata diverse ore, avvennero numerosi eventi che potremmo definire bizzarri ma abbiamo deciso di non fermarci troppo su di essi in quanto ben poca cosa rispetto alle voci circolanti su quel posto.

Durante l’analisi post indagine, del materiale ottenuto, attività durata diversi giorni, emersero differenti anomalie. In alcune tracce audio sono state registrate voci non appartenenti ai presenti e che sembrerebbero rispondere a determinate domande seguendo un affascinante, e per alcuni versi inquietante, filo logico.

La prima anomalia consisterebbe in una voce, apparentemente femminile, che subito dopo la domanda: ”Quanti anni hai” risponderebbe con un chiaro: “Venti”.
La seconda riguarderebbe una voce apparentemente maschile che direbbe “Le porte” con un tono quasi da rimprovero, come se volesse dire di fare attenzione alle porte.
Effettivamente secondo le voci che circolerebbero, il presunto fantasma se ne andrebbe in giro a sbattere porte e finestre, e ciò potrebbe avere un qualche collegamento logico con la voce registrata.
Il team ha ottenuto anche due foto interessanti, una in cui compare un ombra anomala ed un altra in cui è presente una specie di condensazione biancastra.

Al di la di tutto, si tratta di un affascinante leggenda appartenente ad una delle città più incantevoli della nostra regione, meritevole anch’essa di essere citata nel nostro ricco portale.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *