• CONSIGLIATI DA “PUGLIA FOLKLORE”

Fantasmi sulla strada Surano-Ruffano

di MARIO CONTINO – Sono numerose le leggende che, in tutto il mondo, citano fantasmi che apparirebbero sul ciglio di questa o quella strada, poco importa se di campagna o provinciale; ciò che ne deriva è sempre stupore e terrore per il testimone o i testimoni di turno.
Nel Salento una di queste “strade maledette”, o interessanti in base ai punti di vista, è la statale Ruffano – Surano, percorso stradale che sembrerebbe essere interessato da numerosissime segnalazioni, alcune veramente degne di nota.

Una testimonianza che ormai ha dato origine ad una vera e propria leggenda metropolitana, citerebbe una strana figura tra il ciglio della strada e gli alberi di ulivo, la testimone (una ragazza che tornava da Lecce in orario serale) non avrebbe avuto alcun dubbio nel considerare quella figura un fantasma, qualcosa che nulla poteva avere a che fare con l’umano.

Avrebbe altresì dichiarato di essere stata colta da un grande freddo che sarebbe perdurato per un po’ insieme a tanta, e lecita, inquietudine.

Il giorno dopo, ripercorrendo quella strada, avrebbe prestato maggiormente attenzione per sincerarsi che qualche palo della luce o altri fattori non abbiano potuto generare quella particolarissima visione ed ovviamente non è riuscita a rilevare nulla di simile.

Certo è che quel tratto stradale conserverebbe numerose testimonianze che citerebbero spiriti, soprattutto ritenuti femminili, forse perché descritti come “immagini evanescenti che sembrerebbero indossare un lungo abito bianco”, altri chiacchiericci descriverebbero sfere luminose tra gli ulivi e suoni inspiegabili, sordi e molto bassi.

Che il “paranormale” esista sembrerebbe essere scontato, soprattutto nell’ottica di fenomeni sconosciuti, non compresi e probabilmente sottovalutati dal mondo accademico per via dei troppi ciarlatani che ogni giorno si impegnano a distruggere quel poco di credibilità che ricercatori seri tentano di apportare a questo campo di studio.

Sulle leggende appena descritte non posso esprimermi, non fin quanto non porterò a termine uno studio adeguato in merito.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *