• CONSIGLIATI DA “PUGLIA FOLKLORE”

TERRAEMOTUS

Come d’un vento impetuoso,

l’eco nei vichi

ha spazzato via i sogni tranquilli dei bambini,

adagiati sicuri sui loro cuscini.

Ha portato seco gli affetti,

le vicinanze e mille progetti.

I lamenti restano ad abitare le strade

e tra le rovine,

Oh cittadino di un paese fantasma,

cerchi cose a te care

che la sera lasciasti certo di ritrovare.

Una preghiera a te mando,

affinché la pace sia la tregua

di un terrore che dilegua.

 

Antonia Depalma

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Un commento

  1. Antonietta Depalma

    Pubblicato sulla raccolta antologica “Veglia- Autori per l’Italia” il 17/11/2016
    La poesia narra il dramma del sisma che nello scorso agosto ha colpito le popolazioni del Centro Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *