• CONSIGLIATI DA “PUGLIA FOLKLORE”

Fantasma al cimitero di Brindisi

di MARIO CONTINO – I cimiteri sono spesso stati associati al mondo del paranormale, a luoghi spettrali nei quali le anime farebbero capolino per terrorizzare i vivi. Ovviamente questa visione non ha alcuna logica neppure da un punto di vista religioso, ciò in quanto, in base a religione cristiana, l’anima umana disincarnata dopo la morte del corpo non resterebbe in questo mondo ma migrerebbe verso Dio o comunque nell’aldilà.

Qui sarebbe sottoposta al primo giudizio e destinata già nell’Inferno, nel Purgatorio o nel Paradiso, in attesa del secondo ed ultimo giudizio, quello universale in cui Dio, appunto, giudicherebbe sia i vivi che i morti.

Bisogna però considerare l’enorme mole di leggende che saturano il folklore locale, soprattutto quello pugliese, di presunti spettri avvistati proprio nei cimiteri o nei pressi di questi. Oggi vi racconterò della leggenda che ha per protagonista il fantasma di una graziosa fanciulla che apparirebbe presso il cimitero di Brindisi.
L’origine della leggenda sarebbe da ricercare in una tragedia che nel 2001 scosse le vite dell’intera comunità brindisina, per un fatale incidente dovuto a distrazione per cui persero la vita due giovani donne, madre e figlia rispettivamente di 50 e 20 anni. Le due si trovavano nei pressi della banchina di Costa Morena in un’auto, la madre si esercitava per poter riprendere padronanza della guida dopo anni di astinenza dalla stessa, la ragazza invece le dava lezioni.
A causa di una manovra errata, l’auto finì nelle acque del porto e le due donne morirono annegate. Due anni dopo il tragico evento, uno strano episodio avrebbe dato il via alla leggenda ormai citata su diverse riviste on-line e testate giornalistiche. La leggenda, o fatto vero che sia, narra che in una serata invernale, una coppia di brindisini si sarebbe trovata a Costa Morena e avrebbe notato la presenza di una bella ragazza dai capelli lisci e lunghi.

La coppia si sarebbe avvicinata alla ragazza senza minimamente sospettare su ciò che da li a poco avrebbe vissuto. Questa avrebbe chiesto loro di accompagnarla in città in quanto, a seguito di un litigio, il suo ragazzo l’avrebbe abbandonata in quel posto. Avrebbe chiesto di essere lasciata vicino al cimitero, cosa che non destò grande stupore nei testimoni.
Arrivati a destinazione, però, la ragazza sarebbe scesa dall’auto dirigendosi senza esitazione verso il piazzale antistante il “luogo dell’eterno riposo”, o almeno così dovrebbe essere. La coppia al volante si soffermò qualche minuto per sincerarsi sulla sicurezza della ragazza, in quanto le abitazioni distano un po’ dal luogo in cui si era fatta lasciare.
Proprio per questo motivo, seguendo con gli occhi il tragitto della giovane, avrebbero visto che questa si sarebbe diretta verso l’ingresso del cimitero, entrando nel “campo santo” dopo aver attraversato il cancello perfettamente chiuso. La tragedia dell’incidente era successa da poco tempo, quindi i due avrebbero immediatamente collegato i due eventi, provando un forte e naturale senso di paura ed angoscia misti a naturale incredulità.
Che fosse realmente lo spirito della povera ragazza defunta qualche anno prima? Di questo non possiamo esserne certi, di sicuro c’è il fatto che da allora questa leggenda è entrata nelle storie, e negli incubi, di molti pugliesi. Sta di fatto che l’incidente alla base di questa leggenda è relativamente giovane, che due donne hanno tragicamente persero la vita e che il dolore è certamente ancora vivo nella comunità.
Ergo, da ricercatore, da studioso del folklore, vorrei invitare a riflettere, perchè se è giusto divulgare una leggenda e studiarne eventualmente l’origine al fine di comprendere quanto possa esserci di vero, è altrettanto giusto concedere pace a coloro che soffrono e rispettare l’altrui dolore, facendo un passo indietro e, se nel caso, restando al proprio posto.
Mi piacerebbe proprio incontrare questi presunti testimoni citati nella leggenda per capire quanto possa esserci di vero in tutta questa storia, sperando che non siano proprio loro i fantasmi della vicenda.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *